• Lun. Mag 16th, 2022

Controindicazioni Impianti Zigomatici

  • Home
  • Controindicazioni Impianti Zigomatici
IMPIANTI ZIGOMATICI

Penetrazione dell’impianto zigomatico nella porzione centrale dell’orbita: un caso clinico

Vi presentiamo un caso clinico realmente successo, queste informazioni, ci teniamo moltissimo ad inserirle perchè i pazienti devono capire che devono informarsi bene prima di affidarsi ad un qualsiasi medico, altrimenti se il criterio di valutazione è solo economico, si corre il rischio di incappare in incidenti di persorso, come è capitato a questo paziente.

Immagine TC dopo l’intervento chirurgico che mostra la punta dell’impianto zigomatico nell’orbita laterale

Posizionamento di due impianti zigomatici

L’impianto zigomatico sinistro ha un decorso intrasinusale e interessa l’orbita sinistra

Astratto

Gli impianti zigomatici sono stati proposti in letteratura per riabilitazioni orali fisse mascellari atrofiche. Lo scopo della presente ricerca è stato quello di valutare, mediante una valutazione clinica e tomografia, una complicanza chirurgica della penetrazione di un impianto zigomatico nell’orbita.

Presentazione del caso

Una paziente di 56 anni è stata visitata per dolore e gonfiore all’orbita sinistra dopo un protocollo di impianto zigomatico. L’invasione dell’orbita della vite dell’impianto zigomatico è stata confermata dalla scansione CBCT. Il paziente è stato trattato per la rimozione chirurgica dell’impianto e sono stati valutati i sintomi peri- e post-operatori. Al follow-up non sono state riportate complicanze neurologiche. La motilità oculare e l’acuità visiva erano ben mantenute. Nessuna secrezione purulenta o evidenza infiammatoria è stata riportata nelle fasi di guarigione post-operatoria.

Conclusione

La penetrazione dell’orbita durante il posizionamento di un impianto zigomatico è una complicanza chirurgica che potrebbe compromettere la vista ei movimenti dell’occhio. Nel presente caso clinico, la rimozione di un impianto zigomatico ha determinato una fase di guarigione tranquilla con recupero delle funzioni oculari.

Rapporti di revisione tra pari

Sfondo

Gli impianti dentali sono ampiamente utilizzati nella pratica clinica per sostituire i denti mancanti e come coadiuvante nella ricostruzione di mascelle e denti. Nei pazienti con stato edentulo si può osservare una grave atrofia mascellare. Infatti, le estrazioni dentarie inducono perdita ossea e osso alveolare portando ad espansione dei seni mascellari, a grave atrofia e ad una diminuzione di volume, rendendo difficile l’inserimento di impianti dentali. Quindi la riabilitazione di gravi atrofie mascellari legate alla resezione oncologica, alla perdita traumatica o alla perdita di elementi dentari, richiede un trattamento con procedure di rigenerazione ossea o di chirurgia ricostruttiva, propedeutiche al supporto implantoprotesico. Nella pratica clinica vengono utilizzate diverse tecniche per aumentare i tessuti duri e molli, solitamente si utilizza osso autologo, come l’uso di innesti ossei intraorali e/o extraorali con o senza membrane, talvolta associati a osteotomie di tipo I Le Fort. Una tecnica non invasiva prevede l’utilizzo di protesi completamente rimovibili, tuttavia questa soluzione potrebbe non soddisfare le esigenze psicologiche, funzionali e sociali del paziente. Un’altra tecnica, come la riabilitazione implantare fissa zigomatica, potrebbe rappresentare un’opzione di trattamento per l’atrofia grave parziale o completa del mascellare. L’impianto dentale zigomatico si è dimostrato un’efficace opzione per la riabilitazione fissa delle creste mascellari atrofiche edentule, nonché dei difetti della maxillectomia. In questo caso possono essere posizionati uno o due impianti lunghi che prevedono l’inserimento di impianti attraverso l’intra percorso sinusale e l’inserimento guidato attraverso l’esecuzione di una botola laterale ossea, senza sollevare la membrana di Schneider . La tecnica originale proposta da Branemark è stata modificata per provvedere alla conservazione e al sollevamento della membrana di Schneider, contestuale alla procedura. Stella e Warner hanno proposto una variante della tecnica di posizionamento dell’impianto zigomatico (tecnica della fessura del seno), che non richiede il distacco della membrana di Schneider. A questo proposito è stata proposta un’ulteriore variante tecnica con approccio extrasinusale, il cui percorso implantare è completamente esterno alla cavità del seno mascellare. Diversi studi retrospettivi documentano una percentuale del tasso di sopravvivenza dell’impianto zigomatico del 90-100% .

In letteratura sono stati proposti differenti geometrie e disegni implantari per facilitare un posizionamento ottimale del dispositivo e un mantenimento a lungo termine di osteointegrazione degli impianti posizionati.

In questo case report, presentiamo un caso di invasione della cavità orbitaria dopo il posizionamento di un impianto di ancoraggio protesi zigomatico ed è descritto in linea con i criteri .

Presentazione del caso

Il presente studio è stato condotto secondo i principi etici della Dichiarazione di Helsinki modificata nel 2013. Una donna di 56 anni è stata visitata nel nostro ambulatorio per dolore e gonfiore all’occhio sinistro, che si è sviluppato a seguito di un impianto zigomatico. Diversi disturbi sistemici come malattie del sangue, infezioni virali e batteriche, sclerosi multipla, sarcoidosi, malattie indotte da farmaci, metastasi e patologie locali come fratture dell’osso mascellare, estrazioni di terzi molari, neoplasie e metastasi di cancro, tutte dimostrate essere responsabili di tali sintomi, sono stati esclusi. Dopo 1 giorno senza variazioni della sintomatologia, la paziente è stata indirizzata al Dipartimento di Chirurgia Orale dell’Università di Chieti-Pescara accompagnata dal suo chirurgo orale e ha presentato il consenso informato scritto. La procedura aveva apparentemente comportato il posizionamento di impianti zigomatici bilaterali. Non erano disponibili altri dettagli specifici della procedura di chirurgia implantare. Dopo l’impianto zigomatico il paziente ha sviluppato dolore nella regione dell’orbita sinistra, anestesia persistente, diplopia e difficoltà a muovere l’occhio. L’esame radiografico tridimensionale (CBCT) ha dimostrato un impianto zigomatico che penetra nella parte centrale dell’orbita sinistra. I muscoli e la loro inserzione apparivano intatti e si osservava sinusite odontogena. È stata richiesta una visita oftalmologica e si è deciso di rimuovere l’impianto. L’impianto zigomatico è stato rimosso dall’orbita, attraverso la bocca con un movimento di allentamento. L’anestesia locale è stata somministrata con Articaine® (Ubistesin 4%—Espe Dental AG, Seefeld, Germania) associata ad epinefrina 1:100.000. I lembi a tutto spessore sono stati sollevati per esporre la cresta alveolare e l’impianto zigomatico nella mascella sinistra. Non è stato osservato alcun sanguinamento e non è stato necessario alcun intervento orbitale. È stato prescritto un antibiotico sistemico per 5 giorni con amoxicillina 1 g e betametasone 1 mg per 6 giorni. Al fine di preservare il microbioma intestinale, è stata prescritta anche l’assunzione di batteri lattici (Biocult Strong, Italfarmacia, Roma-Italia). Sette giorni dopo la procedura è stata rimossa la sutura chirurgica. Non è stato necessario nessun altro trattamento oculare e non sono state osservate emorragie o irritazioni congiuntivali. La motilità dell’occhio destro era normale. Dopo 1 settimana non sono stati rilevati dolore nella regione dell’orbita sinistra, anestesia persistente, diplopia né difficoltà a muovere l’occhio. Dopo 2 settimane dall’intervento chirurgico il paziente ha riportato sensibilità della zona, ma non è stato osservato alcun caso di danno neurologico. Nessun altro segno clinico era presente dopo 4 settimane. Nessun dolore o secrezione purulenta alla palpazione è stato segnalato per essere associato a nessuno degli impianti inseriti.

La complicanza più comune associata agli impianti zigomatici è la sinusite. Un’adeguata diagnostica e valutazione pre-chirurgica del seno, nonché l’utilizzo dell’approccio chirurgico extra-senosale e del carico immediato degli impianti, sembrano ridurre o addirittura eliminare questa complicanza.

Altre complicazioni riportate durante e dopo l’inserimento di impianti zigomatici comprendono la parestesia del nervo infraorbitario, la fistola orosinusale e la perforazione dell’orbita.

Gli impianti zigomatici sono stati utilizzati per la riabilitazione della mascella edentula atrofica come alternativa all’innesto osseo per quasi due decenni con risultati clinici soddisfacenti.

Tuttavia, i pazienti con mascella atrofica edentula trattati con questa tecnica possono presentare gravi complicazioni che potrebbero mettere a rischio il restauro protesico.

In questo lavoro vengono riportati quattro casi ipotetici che potrebbero verificarsi,

01 Un caso con fistola cutanea nella zona zigomatico-orbitale sinistra causata da necrosi asettica nella parte apicale dell’impianto, che è stata trattata con l’asportazione chirurgica di questa parte,

02) Un secondo caso con perdita di l’impianto zigomatico destro a causa della mancata osteointegrazione

03) Un caso di perimplantite che hanno determinato rispettivamente la rimozione parziale e completa dell’impianto.

Queste controindicazione potrebbero essere comunque recuperate e riportate al successo opportunamente ritrattate

Tutti i pazienti che hanno avuto complicanze sono stati trattati senza compromettere il restauro che è rimasto funzionale dopo un trattamento opportunamente modificato.

You missed